Associazione "L'ALBERO FIORITO - già e non ancora"
Ci sono le premesse perchè ogni fiore diventi frutto e tuttavia il frutto non c'è ancora: occorre un cammino per poterlo raccogliere

Via Berleta, 1
47017 Rocca San Casciano (FC)
Tel. 0543.960678 - 860333
Codice Fiscale 92050000402
Iscritta al registro di cui alla L. R. 37/96 relativo alle organizzazioni di volontariato n°. 100530 del 09/08/2004
Presidente e legale rappresentante Sig. Tarcisio Monti.


FINALITA' DELL'ASSOCIAZIONE

Introduzione
L'Associazione svolge la sua attività in un territorio di campagna sulle colline di Rocca San Casciano a circa 30 Km. da Forlì.

In questo ambiente legato aIla terra e alla natura, una delle finalità dell'Associazione è queIla di conservare la dimensione umana di una civiltà del passato per coniugarla con i tempi moderni per costruire un modello di vita personale e di società umanamente accettabile e in grado di offrire una armonia di equilibri.

L'idea di fondo è quella di rimanere legati alle proprie radici sviluppando una cultura dell'ambiente non come museo ma luogo per viverci e nella consapevolezza, già sperimentata, che le persone in difficoltà possono ritrovare a contatto con la natura e nel vissuto di ritmi più naturali, una dimensione che favorisce il recupero terapeutico.

Il vivere in campagna offre una molteplicità di esperienze da vivere direttamente: la vendemmia, la semina, la mietitura (vissuti anche nel confronto tra passato e presente), la cura dell'orto, la storia del pane, del latte... il tutto come momento educante.

  1. Accoglienza di persone in difficoltà con particolare attenzione verso i minori.
  2. Educare educandosi.
    Nell'accoglienza si sperimenta la consapevolezza che si può educare educandosi realizzando un cammino insieme per guidare le persone in difficoltà verso l'autonomia e la consapevolezza di sé.
  3. Nel rispetto delle problematiche di ciascuno, si tende a proporre il modello della famiglia come riferimento per la formazione integrale della persona.

 

STRUTTURAZIONE DELLA CASA

La casa di Berleta - di recente ristrutturazione - dispone di ampi spazi interni e di vasto spazio esterno dove due fabbricati adiacenti (un teatro parrocchiale e una casa contadina in attesa di ristrutturazione) formano un delizioso e interessante complesso architettonico che in futuro potrà porsi anche come residenza per quelle famiglie in cui anche i genitori devono essere aiutati a vivere la loro "genitorialità".

La casa è attorniata da 30.000 mq. di terreno agricolo e confina con un podere di 180.000 mq. in cui abita una famiglia che fa parte dell'Associazione.

Ciò consente di poter usufruire di spazi e possibilità di vivere concretamente il diretto contatto con la natura, con le sue coltivazioni sperimentandone i tempi e lo spazio di un ciclo produttivo reale; di vivere da vicino e anche direttamente l'esperienza del contatto con gli animali da fattoria come momento terapeutico per quei bambini o adulti che necessitano di tali percorsi affettivi.

La presenza dell'orto su cui sperimentare giornalmente i cicli della vita vegetale, i frutti saporiti portati in tavola, la fatica che tali frutti richiedono; la presenza del cane, del gatto, del pollaio ecc. sono tutti strumenti che consentono al bambino come all'adulto una non comune esperienza educativa e di vita.


OSPITI: QUANTI?

All'interno della casa, oltre agli spazi riservati alla famiglia di riferimento, sono disponibili ancora quattro camere per accogliere non più di sette ospiti per mantenere la dimensione familiare della Comunità.


PROFESSIONALITA'

L'azione educativa della famiglia di riferimento è supportata dalle figure specialistiche presenti nel territorio e dall'esperienza di accoglienza in atto nelle famiglie in rete dell' Associazione attraverso un percorso educativo da verificare periodicamente con le professionalità interne all' Associazione.

La rete di famiglie rappresenta una sicurezza sul piano operativo in quanto sopperisce ai bisogni che emergono garantendo continuità anche nelle emergenze. E' di supporto psicologico e pratico a chi in prima persona opera dentro al progetto.

 

ASS.I.PRO.V.
 
 
Credits